Marchi comunitari - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

26/10/2020

Esami di Agente di affari in mediazione - Esito prove esame del 26/10/2020 e del 27/10/2020

Disponibili i risultati della prova orale del 27/10/2020.
Esito esami
 
Disponibili i risultati della prova scritta del...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

26/10/2020

Disponibili i risultati del progetto Excelsior: le previsioni occupazionali e i fabbisogni professionali - Bollettino e statistiche Ottobre - Dicembre 2020

L'indagine Excelsior è coordinata a livello nazionale da Unioncamere, in accordo con l'Agenzia per le Politiche Attive del...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

22/10/2020

PROROGATA LA CHIUSURA DELLA SESSIONE I SEMESTRE 2020 DEL PREMIO STORIE DI ALTERNANZA

 

Prorogato in tutto il territorio nazionale al giorno 26 ottobre 2020 (ore 17.00) l'invio delle candidature al...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

Marchi comunitari

Il Marchio Comunitario è un marchio unico valido sull'intero territorio dell'Unione Europea.

La procedura unica di registrazione, in vigore dal 1 gennaio 1996 si svolge presso l'UAMI, Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno.

Titolari del marchio

Il titolare del marchio registrato acquisisce un diritto di esclusiva in tutti gli Stati membri dell'Unione Europea. Possono essere titolari di un Marchio Comunitario le persone fisiche o giuridiche, compresi gli enti di diritto pubblico, che abbiano il loro domicilio, la loro sede o uno stabilimento effettivo in un Paese membro dell’Unione europea ovvero aderente alla Convenzione di Parigi, ovvero firmatario dell’accordo TRIP sui diritti di proprietà intellettuale connessi al commercio. Le persone fisiche o giuridiche che hanno la nazionalità in tali Paesi o, in assenza di tali requisiti, ove si riscontrino condizioni di reciprocità con il Paese del richiedente.

Priorità

Chiunque abbia regolarmente depositato un marchio, in uno Stato facente parte della Convenzione di Parigi, fruisce, durante 6 mesi a decorrere dalla data del deposito della prima domanda, di un diritto di priorità per effettuare il deposito di una domanda di marchio comunitario per il medesimo marchio. Per effetto di tale diritto, la data di priorità è considerata data del deposito della domanda di marchio comunitario ai fini della determinazione dell’anteriorità dei diritti.
In pratica il titolare di una domanda nazionale, per esempio italiana, ha a disposizione 6 mesi entro i quali decidere se estendere la tutela del proprio marchio a livello comunitario, senza temere che in questo periodo di tempo altri abbiano acquisito dei diritti tramite propri depositi.

Preesistenza

Se un richiedente o titolare di marchio comunitario detiene già un marchio nazionale anteriore identico per prodotti e servizi identici, può rivendicarne la preesistenza. Ciò gli consente di conservare i propri diritti anteriori anche in caso di rinuncia al marchio nazionale o di mancato rinnovo.

 

 

 

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]  [Apri a pagina intera]

Calendario eventi  

Ottobre 2020
oggi
LuMaMeGiVeSaDo
   1
 
213
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26127
 

28
 

29
 
30
 
31