Marchi internazionali - CCIAA DI BRINDISI

Men¨ di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

22/10/2020

PROROGATA LA CHIUSURA DELLA SESSIONE I SEMESTRE 2020 DEL PREMIO STORIE DI ALTERNANZA

 

Prorogato in tutto il territorio nazionale al giorno 26 ottobre 2020 (ore 17.00) l'invio delle candidature al...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

20/10/2020

Seminari informazione/formazione Anno scolastico 2020/2021 “SI PUÒ FARE “- Dalla genesi alla creazione d’impresa”

La  Camera di Commercio di Brindisi, nell’ambito delle azioni di supporto alla formazione e all’orientamento...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

14/10/2020

ULTIMI GIORNI PER L’ISCRIZIONE ALLA SESSIONE I SEMESTRE 2020 DEL PREMIO STORIE DI ALTERNANZA ”VALENTINA LUCHENA "

 

Gli Istituti scolastici provinciali interessati, potranno iscriversi per la sessione I° semestre 2020, fino  al ...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Marchi internazionali

I soggetti titolari di un marchio nazionale hanno la possibilitÓ di estenderne la tutela nel territorio dei Paesi Europei e di quelli Extraeuropei depositando una domanda di Marchio Internazionale, secondo una procedura disciplinata da due Accordi Internazionali (Accordo e Protocollo di Madrid).
Il vantaggio offerto da questa procedura Ŕ quello di fare una sola domanda in unĺunica lingua valida in tutti i Paesi designati ľ francese, inglese o spagnolo - pagando una sola serie di tasse, nella moneta franco svizzera presso un unico ufficio.

L'Ufficio Internazionale della ProprietÓ Industriale, avente sede a Ginevra, esamina preliminarmente la domanda e poi la trasmette alle singole Amministrazioni nazionali, infatti l'esame e la relativa concessione sarÓ effettuata dagli Uffici Brevetti di singoli Stati alla luce delle rispettive normative nazionali.
Se la protezione non Ŕ rifiutata dagli Uffici Marchi di ogni Paese designato, entro il termine di un anno, il marchio godrÓ della stessa protezione di cui godrebbe se fosse stato depositato e registrato direttamente in quel Paese.

Lĺelenco dei paesi aderenti Ŕ disponibile sul sito: www.wipo.int/madrid/en/members.

L'Italia ha ratificato sia l'Accordo di Madrid che il Protocollo relativo all'Accordo di Madrid, quindi un richiedente italiano ha facoltÓ di richiedere la protezione internazionale per i Paesi aderenti sia all'Accordo che al Protocollo.

á

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]