Requisiti - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

29/9/2020

Benvenuta impresa! Strumenti e servizi delle Camere di Commercio per lo sviluppo dell'impresa digitale

Da mercoledì 30 settembre 2020 il sito benvenutaimpresa.it si rinnova per presentare meglio i...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

25/9/2020

ANCORA ATTIVA LA SESSIONE I SEMESTRE 2020 PREMIO “STORIE DI ALTERNANZA” VALENTINA LUCHENA

  
Dal 7 settembre 2020, a seguito del riavvio delle attività didattiche, previsto per il prossimo 14 settembre...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

23/9/2020

Progetto "P.E.C. La Puglia per l’Economia Circolare" - Webinar sui nuovi modelli di business circolari in Puglia (2/10/2020)

Unioncamere Puglia, in sinergia con le singole Camere di Commercio pugliesi e la Sezione Puglia dell’Albo Nazionale Gestori...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Requisiti

I requisiti per ottenere la registrazione di un marchio d’impresa sono:

Capacità distintiva: è la capacità di distinguere un prodotto o un servizio da quello degli altri
Novità: è l'assenza sul mercato di prodotti o servizi contraddistinti da segno uguale o simile
Originalità: è costituita dal carattere di fantasia del segno distintivo che non può consistere in una denominazione generica di prodotti o servizi o in una indicazione descrittiva
Liceità: è la conformità all'ordine pubblico ed al buon costume.

Possono costituire Marchi d'Impresa i segni suscettibili di essere rappresentati graficamente, in particolare:

- parole, compresi i nomi di persona (ad es. Valentino, Fendi, Armani, Cinzano);

- disegni (come il piccolo coccodrillo della Lacoste);

- cifre (4711, la celebre acqua di Colonia);

- lettere (la V di Valentino);

- forma del prodotto o del suo confezionamento (la particolare bottiglia della Coca-Cola);

- le combinazioni o tonalità cromatiche.

Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d’impresa alcuni segni specificatamente individuati dalla legge, quali:

- gli stemmi ed altri segni considerati nella convenzioni internazionali vigenti in materia, segni contenenti simboli, emblemi o stemmi di pubblico interesse, a meno che non venga concessa l'autorizzazione alla registrazione da parte dell'autorità competente; L'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi ha la facoltà di provvedere, prima della registrazione, ad inviare l'esemplare del marchio alle amministrazioni interessate per sentirne l'avviso;

- i segni idonei ad ingannare il pubblico, in particolare quelli con riferimenti alle provenienze geografiche, che si riferiscano alla natura e qualità dei prodotti o dei servizi;

- i ritratti o i nomi di persona diversi da quello del richiedente, senza il consenso delle medesime e, dopo la loro morte, senza il consenso del coniuge e dei figli;

- i segni identici o simili ad un segno già noto, se ciò può ingenerare confusione per il pubblico a causa dell'affinità dei prodotti o dei servizi;

- segni identici o simili ad un marchio registrato per prodotti o servizi non affini ma che godano di rinomanza nello Stato;

- i segni che possano ledere un altrui diritto di proprietà intellettuale, industriale o, comunque, altro diritto esclusivo;

- i segni costituiti esclusivamente da indicazioni generiche o indicazioni descrittive del prodotto o del servizio che intendano tutelare;

- i segni costituiti esclusivamente dalla forma naturale del prodotto;

- i segni divenuti di uso comune nel linguaggio corrente o negli usi consolidati;

- i nomi notori di persone, segni artistici, sportivi, denominazioni e sigle di manifestazioni , enti ed associazioni non aventi fini lucrativi, senza il consenso dei medesimi soggetti;

- i segni identici o simili al marchio registrato anteriormente nello Stato o, se comunitario, dotato di una valida rivendicazione di priorità, per prodotti o servizi non affini, se esso gode nello Stato di rinomanza e se l’uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o della rinomanza del marchio o rechi pregiudizio allo stesso.

 

 

Data di redazione: 4/2/2019

 

[Stampa]