Il Regolamento del Comitato Imprenditorialità Femminile - CCIAA DI BRINDISI

Menù di navigazione rapido

Logo della Camera di Commercio di Brindisi

Cartella selezionata

 

 

News correlate:

29/9/2020

Benvenuta impresa! Strumenti e servizi delle Camere di Commercio per lo sviluppo dell'impresa digitale

Da mercoledì 30 settembre 2020 il sito benvenutaimpresa.it si rinnova per presentare meglio i...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

25/9/2020

ANCORA ATTIVA LA SESSIONE I SEMESTRE 2020 PREMIO “STORIE DI ALTERNANZA” VALENTINA LUCHENA

  
Dal 7 settembre 2020, a seguito del riavvio delle attività didattiche, previsto per il prossimo 14 settembre...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

23/9/2020

Progetto "P.E.C. La Puglia per l’Economia Circolare" - Webinar sui nuovi modelli di business circolari in Puglia (2/10/2020)

Unioncamere Puglia, in sinergia con le singole Camere di Commercio pugliesi e la Sezione Puglia dell’Albo Nazionale Gestori...

Altre news su CCIAA DI BRINDISI

 

[Stampa]

Il Regolamento del Comitato Imprenditorialità Femminile

Il regolamento Comitato Imprenditorialità Femminile è stato approvato con Delibera Consiliare n. 8 del 30/3/2004

ARTICOLO 1
OBIETTIVI

Il Comitato per l’Imprenditorialità Femminile persegue prioritariamente gli obiettivi enunciati nel Protocollo d’intesa del 28/02/2003 siglato dal Ministero delle Attività Produttive e dall’Unioncamere, ed esplica le sue attività attraverso le modalità e gli strumenti di cui al presente regolamento.

ARTICOLO 2
ORGANI

Il Comitato, nominato dalla Giunta Camerale, è composto da un minimo di 7 ad un massimo di 11 componenti in rappresentanza del Consiglio camerale, nonché delle Associazioni imprenditoriali di categoria e delle Organizzazioni sindacali impegnate nella promozione delle pari opportunità. Il Presidente e il Vice Presidente sono eletti dal Comitato nella prima riunione utile; il Presidente presiede le riunioni ed è sostituito dal Vice Presidente in caso di assenza o di impedimento.

ARTICOLO 3
COMPITI DEL COMITATO

Il Comitato ha il compito di:
a) proporre suggerimenti nell’ambito della programmazione delle attività camerali, che riguardino lo sviluppo e la qualificazione della presenza delle donne nel mondo dell’ imprenditoria;
b) partecipare all’attività della Camera proponendo tematiche di genere in relazione allo sviluppo dell’ imprenditoria locale;
c) promuovere indagini conoscitive sulla realtà imprenditoriale locale, anche con studi di settore, per individuare le opportunità di accesso e di promozione delle donne nel mondo del lavoro e dell’ imprenditoria in particolare;
d) promuovere iniziative per lo sviluppo dell'Imprenditoria Femminile, anche tramite specifiche attività di informazione, formazione imprenditoriale e professionale e servizi di assistenza manageriale mirata;
e) attivare iniziative volte a facilitare l’ accesso al credito anche promovendo la stipula delle convenzioni previste nell’ ambito del Progetto per l’accesso delle imprenditrici alle fonti di finanziamento;
f) curare la divulgazione nel territorio delle iniziative e delle attività di ricerca e studio sullo sviluppo locale promosse dalla Camera di Commercio;
g) proporre iniziative per attivare un sistema di collaborazioni sinergiche con gli enti pubblici e privati che sul territorio svolgono attività di promozione e sostegno all’ Imprenditoria Femminile;
h) costituire, di volta in volta, gruppi di lavoro, per trattare specifiche tematiche che siano formati almeno da tre componenti.

ARTICOLO 4
MODALITA' DI FUNZIONAMENTO

a) La riunione del Comitato è valida quando sono presenti la metà più uno dei componenti; le decisioni sono assunte a maggioranza dei voti espressi dai presenti;
b) l’ avviso di convocazione, con l’ordine del giorno, deve essere inviato a mezzo posta ordinaria 5 giorni prima della data fissata per la riunione o nei casi di convocazione d’urgenza, nelle 48 ore precedenti oppure per autoconvocazione;
c) ogni componente ha diritto ad un voto e nessun componente può delegare il proprio voto ad un altro componente;
d) l’assenza ingiustificata di un componente a tre riunioni consecutive è causa di decadenza dal Comitato.

ARTICOLO 5
FUNZIONI E COMPITI DEL PRESIDENTE

Il Presidente del Comitato:
a) ha la sua rappresentanza;
b) ne convoca e presiede le riunioni;
c) ha la facoltà di partecipare alle sedute dei gruppi di lavoro;
d) cura l’attuazione delle iniziative;
e) predispone l’ordine del giorno delle sedute del Comitato.

ARTICOLO 6
DOTAZIONE

L’Ente Camerale fornisce i mezzi e il personale necessari al suo funzionamento sulla base del programma annuale elaborato dal Comitato ed approvato dalla Giunta.

ARTICOLO 7
RIMBORSO SPESE

Ai componenti del Comitato inviati in missione, su proposta del Presidente del Comitato ed autorizzati dal Segretario Generale, è riconosciuto il rimborso delle spese documentate secondo i criteri vigenti per i dirigenti dell’Amministrazione Camerale.

 

Data di redazione: 25/7/2013

 

[Stampa]